Progettazione partecipata: prospettive antropologiche, competenze e pratiche

Sara Miscioscia, Maria Cristina Pantellaro


Venerdì 17 dicembre 2021
09.00
  Facoltà di lettere e filosofia
Aula VI
 

Il laboratorio proposto è teso a fornire nozioni pratiche e teoriche sulle tecniche di progettazione, con particolare attenzione all’importante contributo che le conoscenze antropologiche possono fornire in ogni fase del progetto: dalla ricerca di bandi e linee di finanziamento, all’esame di casi concreti ed esperienze in corso, dal management al monitoraggio, fino alla valutazione di impatto.

Il laboratorio intende essere un’occasione di apprendimento e sperimentazione, ma soprattutto si pone l’obiettivo di riflettere insieme sul contributo che i saperi antropologici possono fornire negli ambiti progettuali e sul ruolo “attivo” all’interno delle sfide sociali che ci attendono.

Possibili destinatari: antropologi, studenti, progettisti, operatori sociali

La Pandemia da Covid 19 ha innescato a livello globale una fase di trasformazioni che, se accompagnate da opportune riflessioni e progettualità, potranno condurre anche a cambiamenti positivi. Nel quadro politico e sociale europeo che si va configurando è opportuno riflettere su ogni possibile intervento, teorico e pratico, utile a superare la fase di crisi ed emergenza attraverso la realizzazione di attività tese ad apportare concreti benefici nei contesti coinvolti.

In questa fase storica di cambiamento, l’etnografia può fornire il proprio contributo, in modo proficuo e attivo, attraverso l’individuazione di specifiche sfere d’azione nel quadro del piano Next Generation EU. Una delle possibili applicazioni delle competenze antropologiche è la progettazione partecipata: una prospettiva metodologica strettamente legata alle tecniche di ricerca-azione in cui, attraverso la creazione di spazi di elaborazione condivisa, differenti attori sociali (cittadini, amministratori, tecnici, ricercatori, studiosi) vengono coinvolti nell’ideazione di azioni o servizi in numerosi ambiti di intervento.

La progettazione partecipata permette di tenere conto della pluralità degli interessi e delle aspettative della comunità che si costruisce attorno ad un progetto, ma anche di far emergere le conflittualità e, pertanto, di individuare percorsi realmente e concretamente condivisi. L’obiettivo è superare i tradizionali orientamenti assistenzialistici, centrati solo sull’offerta di “”rimedi” top-down in modo da ridurre la delega del potere alle istituzioni e sviluppare il rafforzamento delle competenze sociali e civili.

Sara Miscioscia, Phd in Scienze Storiche, Antropologiche e Storico religiose all’Università Sapienza di Roma con una tesi dal titolo: “Chiuse fuori. Storie di devianza e discriminazioni di donne rom in Italia, fuori e dentro il carcere.” Collabora con istituzioni ed enti del Terzo Settore come progettista ed esperta di monitoraggio e valutazione in ambito europeo e nazionale. In collaborazione con l’Università Sapienza di Roma ha realizzato ricerche sul campo con le popolazioni rom, nelle carceri, nelle scuole e in alcuni quartieri di Roma.

Maria Cristina Pantellaro, laureata con tesi in antropologia culturale, ha frequentato la Scuola di Specializzazione in beni DEA e attualmente sta svolgendo un PhD Programme presso il Dipartimento SARAS della Sapienza. Da molti anni lavora come consulente, nell’ambito del Project management e della ricerca, a livello nazionale e internazionale. I settori di intervento nei quali ha svolto principalmente le attività professionali sono: educazione e formazione, inclusione sociale e cultura. Le sue competenze riguardano la progettazione e rendicontazione di progetti, il monitoraggio e la valutazione, la formazione e la ricerca in termini qualitativi e quantitativi.

Sara Miscioscia, info.miscioscia[at]gmail.com
Maria Cristina Pantellaro, cristina.pantellaro[at]libero.it



Per aderire al workshop inviare una comunicazione agli indirizzi reperibili cliccando qui entro e non oltre il 25/09/2021
Si consiglia di richiedere conferma di lettura dell'email