Panel 05

Generatività, generazioni e disabilità

Rossana Di Silvio, Claudia Mattalucci


 

Venerdì 17 dicembre 2021
17.00
  Facoltà di lettere e filosofia
Aula III
 

L’Italia vanta una lunga tradizione nella tutela dei diritti delle persone disabili che ha progressivamente modellato la risposta di famiglie e comunità, dando avvio a forme di associazionismo, pratiche inclusive ed esperienze di assistenza non tutte equamente disseminate sul territorio nazionale. A partire da un’analisi critica di questo patrimonio di norme, diritti ed esperienze, vorremmo interrogarci sul futuro della vita disabile, privilegiando un focus sulle famiglie. La qualità di vita delle persone disabili, infatti, dipende fortemente dalle relazioni familiari, soprattutto in particolari congiunture critiche. D’altro canto, la ricerca antropologica ha mostrato come la riproduzione di queste relazioni attraversa immaginari e attese, pratiche quotidiane e lessici familiari che definiscono affetti, obbligazioni, valore morale dei legami e, più in generale, la mutualità intergenerazionale (Rapp, Ginsburg 2001).

Negli ultimi tempi, il singolare intreccio di congiunture sociodemografiche, limiti della predittività degli screening prenatali e radicamento della neuro-genomica sta materializzando, in Italia ma non solo, categorie inedite di disabilità che costringono i familiari a misurarsi con forme di relazione, ineguaglianze, pratiche di cura e di socialità inedite e soprattutto con nuove solitudini. Di fronte a declinazioni dell’alterità disabile sempre più frequenti – come le cosiddette disabilità relazionali (Russo, Capararo, Valtellina 2013): disturbi dello spettro autistico, ADHD, Alzheimer, ecc. –, i concetti di generatività e generazione, di inclusione, ambiente di vita e autonomia richiedono un ripensamento che investa le famiglie, le rappresentazioni sociali e le politiche pubbliche (Di Silvio 2017).

Il recente Family Act (2020) suggerisce un punto di partenza nella realizzazione programmatica di Next Generation EU nel campo degli investimenti sulle famiglie. In tal senso, l’esplorazione etnografica dello spazio domestico può consentire di restituire in dettaglio le criticità, le resilienze e le attese testimoniate dalle famiglie con disabili – durante la pandemia, ma non solo -, fornendo così un efficace strumento di conoscenza, utile per futuri investimenti e innovazioni delle politiche per la famiglia e le disabilità. Raccogliendo contributi che utilizzino il prisma della parentela e del genere per analizzare le connessioni tra generatività, generazioni e disabilità, vorremmo stimolare una discussione, anche operativa, sulle nuove sfide della cura familiare. In un’ottica comparativa, vorremmo esplorare il tema della riproduzione della vita disabile a partire dalle famiglie, dai loro bisogni e dalle strategie che mettono in campo per sostenere il lavorìo affettivo, la fatica della cura e la quotidianità dei legami, navigando tra vecchi e nuovi significati e coltivando la speranza in un futuro possibile.

PAROLE CHIAVE: riproduzione, disabilità, cura familiare, futuro, innovazioni

RIFERIMENTI
Di Silvio R., 2017 «“In più c’è l’aggravante dello stato di salute del bambino”: le molte incrinature della riproduzione adottiva contemporanea», in C. Mattalucci (ed), Antropologia e riproduzione. Attese, fratture e ricomposizione della procreazione e della genitorialità in Italia, Milano, Cortina, pp. 89-124.
Family Act 2020. Onlinehttps://www.disabili.com/images/pdf/family-act.pdf.
Rapp R., Ginsburg, F. 2001 «Enabling Disability: Rewriting Kinship, Reimaging Citizenship», Public Culture 13(3), pp. 533-556.
Russo C., Capararo M., Valtellina E. (eds) 2013., A sé e agli altri. Storia della manicomializzazione dell’autismo e delle altre disabilità relazionali nelle cartelle cliniche di S. Servolo, Milano, Mimesis.

Rossana Di Silvio, è antropologa della parentela, ricercatrice esterna presso l’Università di Milano- Bicocca ed è psicologa e psicoterapeuta presso l’Unità NPI di Olbia, ATS Sardegna.
Claudia Mattalucci è docente di Antropologia della Parentela e del Genere presso l’Università di Milano-Bicocca

Rossana Di Silvio, rossana.disilvio[at]gmail.com 

Claudia Mattalucci, claudia.mattalucci[at]unimib.it



Per aderire al panel inviare una comunicazione agli indirizzi reperibili cliccando qui entro e non oltre il 25/09/2021
Si consiglia di richiedere conferma di lettura dell'email